La terapia del dolore

 

 

 

 

La Terapia del dolore o algologia è affidata a medici specialisti, anestesisti-algologi,  che sono in grado di riconoscere i meccanismi i che producono il dolore e le sue cause.

A seguito della valutazione del paziente suggeriscono la scelta e l’applicazione delle terapie per contrastare il dolore.

Oggi è possibile curare il dolore anche nelle patologie croniche che spesso non rispondono ai trattamenti, ma anche per ridurre il dolore quando è presente nella forma acuta della malattia.

La Terapia del Dolore si avvale di diverse tecniche e possibilità.

Si consideri che negli ultimi anni si è data molta attenzione a questo settore della medicina, introducendo nuovi ed efficaci farmaci e metodiche scientificamente sempre più valide.

Le terapie consigliate variano da paziente a paziente, per cui è necessaria una valutazione approfondita di ogni caso.

La scelta della terapia dipende dal tipo di dolore, dalla sua intensità e da come il paziente risponde alla cura.

Ciò che risulta essere sempre determinante e propositivo è l’approccio multidisciplinare con il paziente, sia per la scelta della terapia che per il modo di rapportarsi con la persona, preferendo sempre una serena condivisione dei passi da fare.

Ciò che è più importante è cercare di trovare una giusta soluzione che possa condurre alla soluzione del dolore e che consenta al paziente di vivere serenamente.

 

Il 26 per cento degli italiani combatte contro un dolore cronico non oncologico: artrosi, mal di schiena, neuropatie.

4 lug 2012

MILANO – Numeri che ci pongono al terzo posto in Europa per quantità di pazienti. Allo stesso tempo abbiamo il primato europeo per la prescrizione di farmaci antinfiammatori non steroidei, i cosiddetti FANS, ma non ce ne dobbiamo rallegrare troppo: spendiamo per i FANS il triplo rispetto agli oppioidi, che sarebbero spesso più appropriati e utili per la gestione del dolore cronico e che tuttavia, evidentemente, fanno ancora paura. Risultato, il dolore è tuttora gestito in maniera inadeguata in una larga parte dei pazienti. fonte:...

read more

Agopuntura: sollievo per chi ha «sintomi inspiegabili»

20 nov 2011

L’agopuntura si rivela utile nella cura di «sintomi inspiegabili» - come dolore cronico e conseguenti risvolti per la sfera psicologica, di cui soffre un paziente su 5 – per i quali la diagnosi rimane misteriosa nonostante i continui controlli cui si sottopongono i soggetti che ne soffrono. È quanto emerge da una ricerca comparsa sul British Journal of General Practice...

read more

Identificato il ruolo-chiave dell’enzima JNK coinvolto nella generazione e nella progressione dell’Alzheimer: la scoperta, effettuata dai ricercatori dell’Istituto di Ricerche Farmacologiche “Mario Negri” di Milano

18 nov 2011

Rappresenta un primo successo – riscontrato nella sperimentazione animale – di un trattamento che ha portato alla cura della patologia e al completo annullamento dei deficit cognitivi. Lo studio pubblicato sul Journal of Biological Chemistry, condotto da Tiziana Borsello del dipartimento di Neuroscienze dell’Istituto, mette in evidenza che l’enzima JNK agisce su due proteine alla base della neurodegenerazione cellulare che porta allo sviluppo della malattia: la proteina amiloide – responsabile della formazione delle...

read more

malattie reumatiche autoimmuni…tre registri per valutare efficacia delle cure…

5 nov 2011

Esistono tre registri per valutare efficacia delle cure, eventi avversi e qualità della vita dei malati. La vita dei malati può essere molto diversa da quella asettica e controllata presa a modello dalle ricerche che stabiliscono se una medicina funziona oppure no. Nella realtà infatti, altre malattie, ma anche cambiamenti negli stili di vita e nelle abitudini, possono modificare l’efficacia di una terapia, specie se questa si protrae per anni. È il caso delle malattie reumatiche autoimmuni, un gruppo che comprende l’artrite...

read more

Zainetti troppo pesanti e postura scorretta: la metà degli alunni soffre di lombalgia. Un manuale ad hoc

15 ott 2011

MILANO – Ad ogni anno scolastico si parla di zainetti troppo pesanti per gli scolari, di mala postura a scuola e di rischio patologico per la schiena dei bambini. Un opuscolo per «salvare» la schiena dei bambini Link Corriere salute    

read more

Il 25% dei lavoratori che soffrono di artrite reumatoide hanno problemi di rigidità

14 ott 2011

Il 25% dei lavoratori che soffrono di artrite reumatoide hanno problemi di rigidità. In occasione della Giornata mondiale dell’artrite, in corso mercoledì. una nuova ricerca condotta da Mundipharma rivela che in Europa il 28% dei lavoratori affetti da artrite e che soffrono di rigidità articolare mattutina almeno un’ora al giorno ha ridotto il numero di ore lavorate, mentre il 29% di questi non riesce a lavorare a causa della rigidità articolare. Inoltre, circa la metà dei lavoratori che soffrono di rigidità articolare...

read more

Uno spot contro la spondilite anchilosante L’obiettivo è far conoscere una malattia invalidante che colpisce soprattutto gli uomini in giovane età

3 ott 2011

Inizia con un banale mal di schiena che persiste anche per 2-3 mesi; spesso, poi, il dolore s’irradia ai glutei e, a volte, nella parte posteriore delle cosce fino al ginocchio. Sono alcuni dei più comuni sintomi della spondilite anchilosante, una malattia infiammatoria cronica che “attacca” principalmente la colonna vertebrale ma può coinvolgere anche le articolazioni periferiche. Se trascurata, col passare degli anni può provocare un incurvamento della colonna, tanto da rendere impossibile alzare la testa verso il cielo. Per far...

read more

Per il tunnel carpale l’agopuntura può essere utile con due sedute di agopuntura alla settimana

27 ago 2011

Con risultati talvolta superiori ai metodi «classici», la medicina cinese potrebbe aiutare chi ha questo disturbo. MILANO – Quando, per varie ragioni, si decide di non intervenire chirurgicamente per liberarsi dal fastidio e dal dolore della sindrome del tunnel carpale, due sedute di agopuntura la settimana per un mese possono essere perfino più efficaci di una cura steroidea, e con benefici che si protraggono per un anno. Lo studio, condotto in Cina su un’ottantina di pazienti, è stato pubblicato sul Journal of Pain: sarebbero...

read more

Un cortocircuito di informazioni. È nel cervello il segreto dell’ansia. Uno studio italiano svela la causa del disturbo.

4 ago 2011

Fonte: www.repubblica.it ROMA - Se ne conoscono i sintomi più comuni, apprensione, paura, difficoltà di concentrazione, la diffusione – quasi il 2-3% della popolazione – e le possibili terapie. Ora, uno condotto dall’Irccs Medea di San Vito al Tagliamento, in collaborazione con le università di Udine e di Verona, sembra averne identificato anche la causa. All’origine del disturbo di ansia generalizzato c’è un difetto di comunicazione tra diverse aree del cervello. Quando queste non “parlano” tra...

read more